Carnevale…

Le insegnanti delle sez. A e C, prendendo spunto dai personaggi che sono presenti nel quarto capitolo del libro “La filastrocca di Pinocchio” di Gianni Rodari, hanno introdotto il Carnevale, festa molto  amata dai bambini…

Capitolo  n°4

Qui continua, aprite l’occhio l’avventura di Pinocchio,
che alla scuola, si capisce il teatro preferisce.
Scopron  tosto il burattino Pulcinella e Arlecchino:
“Vien da noi, caro fratello, se di legno è il tuo cervello!”.
Già Pinocchio guizza e salta sulla scenica ribalta.
Baci, abbracci, chiasso, festa, mentre il pubblico protesta.
Il bel gioco dura poco, ecco il truce Mangiafuoco:
gran gigante e gran barbone del teatro era il padrone.
Con l’intruso egli progetta di arrostirsi la cenetta:
– Buon legname… Stagionato… per l’arrosto, il più indicato.
Arlecchino prega in ginocchio:
– Per pietà, salvi Pinocchio!
Mangiafuoco, lì per lì, si commuove: – Etcì etcì!
– Per accendere il camino bruceremo l’Arlecchino!
Ma Pinocchio grida: – Mai! Me soltanto brucerai.
Si commuove a tanto amore il gigante di buon cuore:
– Via, pazienza, etcì, etciò, carne cruda mangerò.

Insieme ai bambini sono stati realizzate le decorazioni per le aule e delle mascherine (arlecchino per i maschietti e colombina per le bambine) da portare a casa.

Ecco alcuni momenti…

Altri momenti…