Amico lievito

Dopo l’esperienza del ciambellone, gli alunni della classe IVA, hanno proseguito con la conoscenza diretta avviata in campo culinario e, per un giorno, si sono trasformati in “apprendisti pizzaioli”. Così, appena arrivati in classe, si sono messi subito all’opera e con farina, lievito, sale ed acqua, hanno preparato l’impasto per fare la pizza.

lievito-5

lievito-6

Quindi, una volta pronto, dopo avergli conferito la tipica forma tondeggiante, lo hanno lasciato riposare per qualche ora. Verso le 14.00 gli alunni hanno osservato l’impasto e si sono accorti che il suo volume era praticamente raddoppiato.

lievito-3

Cosa era accaduto? Lo hanno scoperto conducendo un’esperienza sperimentale, riportata in allegato.

L’impasto è stato suddiviso in parti più piccole, steso con il mattarello, collocato in teglie, condito ed infornato.

lievito-4

Il risultato? Una squisita pizza bianca, talmente buona da farci leccare i baffi.

Documenti Allegati

  • pdf amico-lievito
    Aggiunto in data: 20 novembre 2016 17:10 Dim.: 331 kB Download: 57